Conto deposito a zero spese: esistono davvero?

09 Ago 2021

I conti deposito sono una soluzione sempre più diffusa tra i risparmiatori che vogliono investire il proprio denaro in sicurezza, ricavando un rendimento fisso sulle somme depositate.

Oltre al tema del rendimento, bisogna sottolineare che uno dei motivi per cui questo prodotto bancario riscuote tanto successo è il fatto che presenta costi contenuti.

Il conto deposito a zero spese, infatti, non è una leggenda: sul mercato è possibile trovare diverse proposte di conti deposito senza spese di apertura, di chiusura e anche di gestione.

I motivi di questa convenienza sono semplici: al contrario di quanto si possa credere, il conto deposito è un prodotto molto diverso rispetto al conto corrente, con un’operatività limitata che permette all’istituto di credito di contenere i costi di gestione.

Le spese di un conto deposito sono minime e si riducono, sostanzialmente alle imposte, da pagare in base agli interessi che si ottengono sulle somme depositate.

Prima di proseguire sui conti deposito a zero spese, soffermiamoci brevemente sulla differenza tra conti corrente e conti deposito.

Conti deposito zero spese: caratteristiche e differenze con i conti corrente

Il primo elemento da sottolineare, parlando di conti deposito, è che la maggior parte di questi prodotti, specialmente se parliamo di conti deposito online, ha unicamente lo scopo di “congelare” la liquidità pattuita, ossia le somme che il risparmiatore decide di depositare.

Tale congelamento può presentare o meno dei vincoli: nel primo caso si tratta di un conto deposito vincolato, nel secondo di un conto deposito libero. La scelta tra le due tipologie incide sulla percentuale di rendimento (più alta nel primo caso), ma non sull’operatività del conto, che non garantisce tutti i servizi tipici di un conto corrente: dal prelievo bancomat al libretto degli assegni, passando per l’accredito dello stipendio.

Per questo motivo, per aprire un conto deposito è necessario avere un conto corrente di appoggio, non necessariamente della stessa banca presso il quale si decide di investire i propri risparmi.

Conto deposito zero spese: le imposte come unico costo

Come anticipato, in un conto deposito a zero spese l’unico costo da sostenere è rappresentato dalle imposte.

Gli interessi che maturano sono lordi e pertanto da questi sarà necessario sottrarre l’aliquota fiscale e l’imposta di bollo. Molto spesso però le banche si offrono di pagare il bollo al posto del cliente, lasciando a carico di quest’ultimo solo l’aliquota fiscale: in questo caso avremo un conto deposito senza spese di bollo, e quindi particolarmente vantaggioso.

Attenzione però, perché non tutti i conti deposito sono a zero spese: alcuni istituti di credito, infatti, prevedono il pagamento di un canone mensile, oppure delle spese di apertura. Non sono mai previste, per legge, le spese di chiusura del conto deposito.

È molto raro anche che la banca preveda dei costi di gestione, come quelli per la rendicontazione o per le operazioni di versamento e prelevamento.

Per quanto riguarda i conti deposito vincolati, infine, si deve mettere in conto una possibile spesa ulteriore, ossia l’eventuale penale per lo svincolo anticipato delle somme depositate. Se, infatti, il risparmiatore ha deciso di vincolare una certa cifra sul conto deposito ma si trova ad avere necessità di recuperare una parte dei soldi investiti, potrebbe essere tenuto al pagamento di una penale. Questa eventualità, stabilita nel contratto, la maggior parte delle volte consiste nella sola perdita degli interessi maturati.


Conti deposito online a zero spese

Come trovare il conto deposito a zero spese migliore per le proprie esigenze? Il modo migliore è effettuare una simulazione online, in modo da poter confrontare immediatamente i tassi di interesse e gli eventuali costi da sostenere.
Se poi si sceglie un conto deposito online, come quelli i conti deposito Santander, basterà collegarsi al sito della banca per aprire il conto comodamente da casa, firmando i documenti digitalmente e iniziando da subito ad investire i propri risparmi.


Annuncio pubblicitario con finalità promozionale. Condizioni economiche e contrattuali del prodotto nelle Informazioni europee di base sul credito ai consumatori, nei Fogli Informativi e nel Set Informativo disponibili nella sezione Trasparenza del sito. Salvo approvazione di Santander Consumer Bank.